Endoterapia: difesa e cura delle piante arboree

Gli Interventi Fitosanitari Endoterapici (I.F.E.) sono un metodo per la prevenzione e la cura delle piante arboree da attacchi parassitari, fungini e batterici. Technogreen® leader nel settore, dispone di notevole esperienza, ottime ed innumerevoli capacità. operando in tutta Italia.



Iniezioni al tronco mediante Endoterapia

I trattamenti Fitosanitari Endoterapici deveno essere effettuati solo da personale altamente specializzato e qualificato, in possesso del patentino Fitosanitario, per non arrecare danni alla pianta

Con gli anni, abbiamo studiato e sviluppato tecniche avanzate (in collaborazione con Imprese Formulatrici, Università, Servizi fitosanitari Regionali (OMP), CNR e Ricercatori Qualificati in diverse Regioni d'Italia) per il controllo di patologie parassitarie e fungine che colpiscono le alberature.

La tecnica Endoxilematica del METODO TECHNOGREEN® consiste in una infusione controllata a pressione ambientale al colletto di ogni singola alberatura, utilizzando fitosanitari specifici appositamente studiati e preparati. Successivamente si procederà con una metodologia brevettata e garantita dal Metodo Technogreen® per la cicatrizzazione dei fori e disinfezione delle attrezzature utilizzate, in modo da evitare la diffusione di patogeni su altre alberature.
Le alberature che si possono curare sono numerevoli: Ippocastano, Palme, Platani, Pino, Cedro, Tiglio, Olmo. Quercia e Conifere.
I principali trattamenti consistono in:

METODO TECHNOGREEN® A PRESSIONE
(I.F.E.)

Endoterapia metodo pressione

Con questa tecnica il prodotto fitosanitario viene immesso nella pianta con una certa pressione attiva e controllata. In pratica si tratta di una "iniezione al tronco".

METODO TECHNOGREEN® AD ASSORBIMENTO
NATURALE (I.F.A.N.)

Endoterapia metodo infusione

Con questa tecnica il prodotto fitosanitario viene assorbito dalla pianta sfruttando prevalentemente la forza di aspirazione dell'albero, utilizzando apposite sacche plastiche. In pratica si tratta di una "flebo".



I vantaggi di questa metodologia:

Impatto ambientale bassissimo

Si salvaguarda la salute dei cittadini, evitando ogni pericolo di inquinamento dell'aria, del terreno e delle acque

Dosi ridotte

Si evitano pericolose derive di prodotto, consentendo all'albero di assorbire al 100% la soluzione iniettata, garantendo un lungo periodo di protezione, indipendentemente dall'andamento climatico

Controllo su numerose alberature

E' possibile intervenire su tutte le alberature di tipo ornamentale

Salvaguardia degli organismi utili

E' possibile avere un trattamento selettivo, senza danni ad organismi utili o comunque estranei

Trattamenti di alberi sofferenti

E' possibile trattare alberi sofferenti da inquinamento, stress ambientali e squilibri nutrizionali

Interventi combinati

E' possibile effettuare interventi uniti ed abbinati, efficaci contro funghi e insetti; si possono utilizzare sospensioni di spore batteriche ed altri metaboliti di derivazione fungina per combattere parassiti vegetali all'interno del sistema vascolare


Che cosa dobbiamo sapere sugli interventi Endoterapici?

  1. Gli Interventi Fitosanitari Endoterapici devono essere eseguiti da personale esperto e qualificato, in possesso del patentino fitosanitario, in quanto il rischio dell'improvvisazione è molto elevato e le piante potrebbero riportare danni irreparabili
  2. Le epoche di intervento non sono tutte uguali e dalla patologia riscontrata
  3. Gli interventi devono essere eseguiti dopo la fioritura, onde evitare di causare danni alle api e a tutti gli organismi utili
  4. Si utilizzano esclusivamente solo prodotti autorizzati, per uso endoterapico, presso il Ministero della Salute
  5. La lotta endoterapica non è possibile sulle piante da frutto di qualsiasi varietà
  6. Non si deve intervenire su alberi che non siano in buono stato di salute, per danni causati da insetti e potature errate (capitozzatura)
  7. La valutazione dell'entità di infestazione è importante per poter procedere nei tempi più veloci possibili
  8. L'endoterapia non viene adottata su piante eduli
  9. Ogni precauzione fitosanitaria, fitotossica e/o dannosa per la pianta, deve essere sempre tenuta sotto controllo per evitare possibili danni futuri
  10. La fase di durata dell'assorbimeto può dipendere da fattori climatici, anatomici, fisico-meccanici, fisiologico-vegetavivi dipendenti da influenze stagionali
  11. Sul sistema fogliare, l'efficacia del trattamento contro i parassiti, si notarà circa dopo 9-12 giorni dall'intervento
  12. E' sufficentemente intervenire (generalmente e non nei casi specifici) una sola volta nell'arco dell'anno, con un controllo completo che varia da 1 a 3 anni a seconda dello stato vegetativo-fisiologico della pianta e l'ambiente circostante
  13. La tempestività, il periodo di intervento, il grado di infestazione, la resistenza dell'insetto, la diffusione, il tipo di malattia e lo stato vegetativo-fisiologico della pianta sono parametri fondamentali per la piena riuscita dei trattamenti.